Deumidificazione

Risanamento delle murature affette da umidità ascendente dal sottosuolo.


Il metodo per la deumidificazione non invasivo da Noi utilizzato per l'eliminazione definitiva dell'umidità di risalita:


Il sistema che utilizziamo per la deumidificazione, è un nuovo sistema tecnologicamente avanzato per deumidificare e risanare i muri umidi. Intonaco naturale a calce naturale NHL e pozzolana , le cause stesse del degrado vengono trasformate in fattori di risanamento: la struttura microporosa del prodotto, infatti, asciuga i muri attraverso la migrazione di acqua sotto forma di vapore. Il microporo impedisce il trasporto di sali all'interno dell'intonaco, determina la loro cristallizzazione nella muratura e occlude le porosità interne, impedendo per sempre ulteriori risalite di umidità. A deumidificazione del muro avvenuta, l'intonaco continua a svolgere un'azione di regolazione del vapore evitando la formazione di condense e di muffe all'interno degli ambienti. In questo modo il muro riacquista le sue caratteristiche originali di compattezza, coibenza e soprattutto traspirabilità.

Deumificazione marche

1)
Azione evaporante dell'intonaco microporoso




2)
Calcificazione interna delle porosità dei materiali adescanti. Muro essiccato.





Di seguito riportiamo i più tradizionali sistemi di deumidificazione:


Linee metodologiche generali.


Il risanamento delle murature affette da umidità da risalita si presenta particolarmente delicato di difficile attuazione.Per quanto riguarda la provenienza dell’acqua si possono distinguere due casi: acque di falda e acque disperse.Le prime provengono dalla falda freatica quando questa si trova a poca distanza dal piano campagna. Le acque di falda, naturalmente presenti nel terreno, interessano tutta la sagoma in pianta dell'organismo edilizio e vengono adescate in corrispondenza delle facce orizzontali degli elementi di fabbrica a contatto con il terreno. Si tratta del caso di più difficile soluzione in quanto la falda è notoriamente una fonte praticamente inesauribile di acqua. Le seconde provengono da dispersioni nel sottosuolo di acque di superficie. Le cause più comuni di dispersione possono individuarsi nella rottura di condotte idriche e fognanti, nelle perdite provenienti da cisterne interrate, nelle infiltrazione da pozzi neri assorbenti, nella cattiva ed errata canalizzazione di acque meteoriche ed infine nella presenza troppo ravvicinata di canali di scolo o di corsi d’acqua. Le acque di infiltrazione superficiale possono interessare il perimetro dell'organismo edilizio ed essere adescate in corrispondenza delle facce verticali delle chiusure verticali a contatto con il terreno. In presenza di umidità da risalita, per una corretta deumidificazione, occorre in primo luogo individuare con certezza la causa, o le cause, del fenomeno. Occorre tener presente che non sempre la causa del fenomeno si presenta manifesto, pertanto è necessario condurre un’indagine estesa ad un’area adeguatamente vasta intorno al muro affetto dal fenomeno.Qualora si accerti che l’umidità sia dovuta alla presenza di acque disperse, sarà generalmente sufficiente provvedere alla riparazione degli impianti disperdenti o alla realizzazione di semplici interventi di canalizzazione, di allontanamento e deviazione delle acque superficiali per risolvere il problema alla radice. Qualora si accerti che la causa dell’umidità sia dovuta ad acqua di falda, si renderà necessario procedere all’adozione di sbarramenti fisici secondo tecnologie rivenienti dalla letteratura tecnica e che di seguito si commentano.

1) Riduzione della sezione (Metodo di Koch).

Poiché l'altezza di risalita dell'acqua per fenomeni legati alla capillarità dei materiale dipende in maniera diretta dal rapporto tra superficie evaporante e superficie di adescamento, il procedimento prevede di praticare alla base della muratura una serie di discontinuità, in numero e di dimensioni compatibili con la statica della chiusura verticale da risanare. Gli effetti che ne conseguirebbero sono: la riduzione della superficie di adescamento; l'aumento della superficie evaporante, considerando come tale anche la superficie perimetrale dei fori nello spessore murario. Di conseguenza si abbatterebbe il rapporto tra superficie adescante e superficie evaporante. Il metodo è stato criticato da alcuni anche per la mancanza di rilevanza scientifica sull’efficacia del metodo. Nel caso specifico delle masserie il procedimento trova impiego assai limitato in quanto non sempre é possibile la sua applicazione, sia per motivi statici che per motivi di carattere architettonico e funzionale.

2) Sbarramento con inserimento a tutto spessore della muratura di materiale anticapillare.

Il procedimento per la deumidificazione consiste nell'inserire a tutto spessore di muratura un diaframma capace di interrompere la continuità tra i capillari e, quindi, di bloccare la risalita dell'acqua.
Esistono diverse tecniche operative:
inserimento a “scuci e cuci” del materiale anticapillare. L'operazione dello “scuci e cuci” può essere operata tradizionalmente a scalpello (ma questo comporta l'apertura di brecce di notevoli dimensioni per poter attraversare tutto lo spessore dei muro che nel caso delle masserie é sempre considerevole), oppure con il taglio meccanico dei muro che nei procedimenti più evoluti viene realizzato con apposite seghe a nastro. I materiali impiegati per la creazione dello sbarramento anticapillare possono essere di diversa natura: lastre di piombo, guaine impermeabili gommo-bituminose armate con tessuto di fibre di vetro, lastre di vetroresina con alta percentuale di fibra di vetro, fogli di laminato plastico di PVC. Successivamente all'inserimento della barriera, in corrispondenza del taglio operato, la muratura viene rinzeppata, ed introdotto il materiale di sigillatura (malte a base cementizia additivate con resine antiritiro, espansive e fluidificanti) fino a saturare completamente il taglio, al fine di ricostituite la continuità strutturale della muratura.Il procedimento può essere agevolmente impiegato nel caso di murature in tufo ad una o più teste, ma é sconsigliabile nel caso di murature a doppio paramento con nucleo intercluso specie se con paramenti in pietra. Formazione di una prima serie di fori carotati a distanza ravvicinata (superiore al diametro del foro medesimo) ed iniezione di malte a presa rapida ed antiritiro con inerti minerali e legante a base di resine; formazione di una seconda serie di fori, carotati tra quelli già eseguiti, e successiva iniezione di malte di resina. Il procedimento, noto come “metodo meccanico Massari”, può essere utilizzato con buoni risultati nelle murature in tufo ad una o più teste, mentre comporta dei problemi nelle murature in pietra a doppio paramento con nucleo intercluso in materiale incoerente a causa delle difficoltà esistenti nella fase di carotatura dei fori. Il metodo per la deumidificazione, nel complesso, si presenta particolarmente oneroso e, per questo motivo, trova generalmente applicazione solo nel campo del restauro monumentale. Da osservare inoltre che il procedimento crea una soluzione di continuità tra la parte fondante e la muratura in elevazione, con possibili successivi inconvenienti di carattere statico per la struttura.

3) Iniezioni di resine o di malte additivate con resine impermeabili all'acqua.

Il procedimento per la deumidificazione consiste nella esecuzione di fori a distanza più o meno ravvicinata (a seconda delle capacità assorbenti della muratura e della capacità di diffusione della resina o della malta di resina nelle porosità dei materiali costituenti la muratura) e della successiva iniezione a pressione di sostanze a base di resine sintetiche, che polimerizzando, creano una stratificazione impermeabile all'interno della muratura. I materiali iniettati possono essere:
resine epossidiche emulsionate in acqua: la presa del materiale avviene dopo circa 4 ore, mentre la polimerizzazione si completa dopo circa 30 giorni; hanno anche un buon effetto consolidante; malte cementizie additivate ad irraggiamento osmotico in grado di saturare progressivamente le capiliarità dei materiali dove penetrano facendovi precipitare cristalli di sali stabili ed insolubili. Il sistema dell’introduzione a pressione delle malte di resine o delle resine non dà buoni risultati, poiché non é possibile ottenere un trattamento uniforme specie nel caso di murature a doppio paramento con nucleo di materiale incoerente intercluso: i prodotti si disperdono nelle cavità interne alla muratura lasciando discontinuità nello sbarramento.

4) Diffusione di resine idrofobanti dei capillari.

Il procedimento per ladeumidificazione consiste nell’esecuzione di fori a distanza più o meno ravvicinata (a seconda delle capacità assorbenti della muratura e della capacità di diffusione delle resine emulsionate nelle porosità dei materiali costituenti la muratura) e della successiva introduzione a gravità di resine siliconiche emulsionate, tramite diffusori che consentono un lento ma naturale assorbimento delle resine da parte dei materiale. Il procedimento prevede alcune varianti in funzione dei tipo di muratura da risanare e nelle modalità di trasferimento delle emulsioni ai materiali costituenti la muratura:
- nel caso di murature con eccessiva presenza di vuoti (é il caso delle murature a doppio paramento con nucleo intercluso di materiale incoerente) alcuni procedimenti prevedono un consolidamento preliminare della muratura in corrispondenza della fascia predisposta per l'intervento di sbarramento, a mezzo iniezioni di malte fluide di acqua e cemento addittivate con sostanze fluidificanti ed antiritiro; successivamente si procede all’introduzione dei diffusori (tubi forati in superficie) attraverso cui viene introdotta l'emulsione.
- nel caso di murature compatte e prive di cavità (é il caso delle murature in tufo ad uno o più paramenti), il diffusore viene immesso senza particolari operazioni di preparazione; i fori di immissione vengono praticati con diametro molto prossimo al diametro esterno dei diffusori per assicurare la massima superficie di contatto con il materiale.Altri procedimenti prevedono l'impiego di cartucce di materiale poroso trasudante intorno ai diffusori: la funzione delle cartucce é quella di assicurare una migliore aderenza del diffusore ai materiali da idrofobizzare e quindi una più uniforme diffusione delle emulsioni; altro problema risolvibile con l'impiego delle cartucce é quello di poter eseguire il trattamento anche in presenza di murature con cavità interne. Le resine prevalentemente impiegate sono siliconiche (silossani disciolti in veicolo aromatico): queste hanno la capacità di diffondersi nei capiliari dove, polimerizzando, diventano insolubili in acqua e formano una pellicola sulle pareti dei capillari, idrofobizzandoli; l'idrofobizzazione avviene grazie alla particolare natura dei polimeri siliconici in grado di rovesciare la normale concavità del menisco e, quindi, di annullare la forza di suzione capillare.
I risultati di questi procedimenti sono piuttosto incerti e sono legati alla buona conoscenza della struttura interna della muratura, conoscenza che non sempre è possibile conseguire con adeguata certezza a meno di non dover eseguire indagini distruttive (saggi, introduzione di cavi a fibra ottica, ecc.).

5) Drenaggi deumidificanti (metodo Knapen).

Il procedimento per la deumidificazione consiste nell'inserire nella muratura umida, ad intervalli regolari e per profondità pari ai 2/3 dello spessore murario, tubazioni cilindriche o prismatiche con la superficie a contatto della muratura dotata di fori esalatori attraverso i cui il vapore d'acqua può essere intercettato. L'aria nel tubo si arricchisce di vapore e diventa più pesante; la fuoriuscita dell'aria umida comporta un richiamo di aria secca dall'esterno che a sua volta si arricchisce di vapore e tende ad uscire all'esterno. Si innesca un moto d'aria continuo che dall'esterno viene aspirata nel tubo, dove ventilando la superficie di muratura a contatto asporta continuamente vapore d'acqua. Alcune varianti al procedimento prevedono la distinzione della tubazione di ingresso dell'aria secca da quella di fuoriuscita dell'aria umida.
Il metodo è stato molto criticato da parte della letteratura tecnica anche se ancora oggi continua ad essere proposto da produttori dei sifoni. A ben vedere il meccanismo secondo il quale si dovrebbe deumidificare il muro appare molto teorico e non confermato da indagini sperimentali adeguate.

6) Trattamento elettrosmotico.

Il procedimento consiste nel realizzare una specie di pila voltaica tra muratura, acqua e terreno, impiegando forze elettrosmotiche dirette verso il basso, in grado di contrastare le forze capillari. Vengono praticati nella muratura alcuni fori nei quali vengono alloggiati gli elettrodi che vengono a loro volta collegati con una corda di rame continua, esterna alla muratura, collegata a sua volta con prese di terra. L'elettrosmosi può essere di tipo attivo, alimentando il circuito con corrente elettrica continua a bassa tensione, o del tipo passivo, sfruttando la differenza di concentrazione salina esistente tra l'acqua nella muratura e l'acqua presente nel terreno.
Anche per questo metodo esistono numerose riserve in quanto non risulta alcuna seria evidenza scientifica del meccanismo che porterebbe alla riduzione dell’umidità.

7) Intercapedini e contromuri.

Sono dispositivi, più che procedimenti, atti ad emungere l'umidità presente nelle murature per i fenomeni di risalita capillare, attivando l'evaporazione in corrispondenza della superficie esterna del muro. Con questi dispositivi non si elimina il fenomeno della risalita capillare, bensì si riducono le altezze di risalita e/o si proteggono i locali confinati dagli effetti dannosi dell'umidità.
Per quanto riguarda l’umidità proveniente da acque sotterranee disperse le soluzioni proposte sono da applicare se risulta impossibile procedere alla regolamentazione delle acque superficiali o se non si riesce ad individuare la causa primaria dell’umidità.

- a) intercapedini intercettanti.

L'aggressione per infiltrazione laterale di acque superficiali disperse può essere eliminata anche con la creazione delle intercapedini perimetrali alla base dell'organismo edilizio, meglio se aperte e/o impermeabilizzate sulla superficie a contatto con il terreno. La funzione é quella di intercettare il passaggio dell'acqua dal terreno alla muratura.
Una volta accertato che l'origine dell'acqua é quella appena descritta l'intercapedine può essere anche sostituita da stratificazioni impermeabili aderenti alle murature con opportuni drenaggi controterra;
Altro intervento consigliato in questo caso, comunque da abbinare a quelli già descritti, é quello di allontanare l'acqua dall'edificio quanto più é possibile con la creazione di marciapiedi perimetrali impermeabilizzati e pavimentati, avendo cura di risvoltare l'impermeabilizzazione in appositi ingarzi predisposti nelle murature.

- b) intercapedini ventilate.

Nel caso di aggressione umida per acque di falda e quindi per umidità ascendente, la creazione dell’intercapedine non risolve il problema, nel senso che non elimina l'adescamento, ma é comunque utile al fine di ridurre l'altezza di risalita per capillarità. Tenendo conto che l'evaporazione superficiale dei paramento di muratura che si affaccia nell'intercapedine avviene in quantita almeno quattro o cinque volte minore dell'evaporazione superficiale unitaria dello stesso paramento fuori terra, l'intercapedine dovrebbe scendere in profondità almeno quattro o cinque volte il valore dell'altezza dei quadri umidi dal livello campagna. Notevoli riduzioni della profondità delle intercapedini possono essere ammesse solo nel caso che venga assicurata una efficace ventilazione (apertura di grate sulla soletta di copertura dell’intercapedine e studio della loro esposizione in relazione alla geometria dei perimetro dell'edificio; collegamento delle intercapedini a camini aspiranti).




La nostra impresa Edile, esegue lavori per la deumidificazione risolvendo i problemi umidita' di risalita capillare, nelle Marche e in tutta la provincia di Ancona.








<< Precedente                           Home                           Site-Map




deumidificazione ancona