Costruzioni edili



Nelle costruzioni edili, il risparmio energetico si può conseguire semplicemente modifCostruzioni edili marcheicando le nostre abitudini e prendendo coscienza del fatto che l'energia a nostra disposizione non è inesauribile, consapevoli del fatto che l'energia  prodotta diviene fonte di inquinamento, ci si è trovati nella necessità di individuare fonti alternative, situazione che dovremmo tenere presente in fase di costruzione della nostra casa.
In Italia l'impianto solare può garantire energia per l'intero anno, la necessità di un isolamento termico efficace deve essere ottimizzata con una giusta traspirazione dell'abitazione, evitando il ristagno di particelle tossiche negli ambienti, costruendo muri in pietra naturale o utilizzando materiali naturali che assicurino traspirabilità, ricordandoci che il puro cemento, la plastica o le vernici sintetiche agiscono come barriere impermeabilizzanti, ricercare per le costruzioni edili materiali con caratteristiche igroscopiche (capacità di alcuni materiali di assorbire o cedere vapore correlata alla porosità di intonaci, calce, legno naturale, tessuti naturali).
In base al consumo annuo di energia per metro quadro le costruzioni edili vengono classificate in categorie  A, B, C, D, E, F e G in funzione del loro consumo di calore annuo per unità di superficie. In Italia il riscaldamento delle abitazioni e   dell’acqua  sanitaria è la seconda causa di inquinamento, subito dopo il traffico, e rappresenta oltre il 15% dei consumi  energetici  nazionali. Nelle regioni del nord Italia il riscaldamento delle costruzioni incide per oltre il 70% sui consumi energetici delle  utenze domestiche. Tali consumi sono fortemente legati al tipo di "involucro" con cui è realizzata la casa, ed esistono  quasi sempre margini di miglioramento elevatissimi.
Una casa ecologica à una costruzione realizzata con materiali non inquinanti e che limiti al massimo il consumo di energie non rinnovabili, offrendo al tempo stesso elevati standard di qualità di vita e benessere per gli abitanti.I progetti di bioedilizia  sono basati su tecnologie che tengono sotto controllo temperatura, umidità, campi elettromagnetici e sostanze inquinanti all’interno delle costruzioni edili. Tra i materiali si prediligono quelli naturali e di produzione locale, nonché poco inquinanti nelle fasi di produzione e smaltimento, gli impianti elettrici devono limitare al Termografia costruzioni anconamassimo la presenza di campi elettromagnetici, le tecniche costruttive adottate debbono consentire un’adeguata traspirazione e ventilazione delle strutture, vengono utilizzati impianti che limitano il consumo energetico e si adottano misure che riducono la dispersione del calore. Di non poca importanza riveste anche la scelta del luogo in cui costruire, che dovrà consentire la massima integrazione tra edificio e ambiente. I materiali da costruzione selezionati avranno caratteristiche adatte alla funzione che dovranno svolgere, quindi in particolare: capacità di accumulare calore, coibentazione e igroscopicità (capacità di assorbire umidità).
Riguardo il consumo energetico la casa ecologica è progettata e costruita per ridurre al minimo le dispersioni di energia attraverso un efficiente isolamento termico. Le fonti di energia rinnovabile utilizzate nelle costruzioni ecologiche sono: energia solare (pannelli solari termici e pannelli solari a celle fotovoltaiche); energia eolica; energia geotermica; biomasse (sostanze di origine animale e vegetale, non fossili, che possono essere usate come combustibili per la produzione di energia).  Attraverso i pannelli solari fotovoltaici è possibile trasformare l’energia derivante dai raggi solari direttamente in energia elettrica, conseguentemente le spese di riscaldamento e condizionamento sicuramente diminuiranno essendo la bolletta energetica la più rilevante voce di spesa del bilancio familiare.
Per risparmiare energia:
1) ridurre le dispersioni di calore in inverno e le infiltrazioni di calore in estate attraverso le pareti, il pavimento ed il tetto della casa
2) limitare le fughe di aria calda attraverso i vetri e gli infissi delle finestre
3) abbassare la temperatura di riscaldamento nei locali non utilizzati
4) sfruttare al meglio l’energia mantenendo e regolando bene l’impianto di riscaldamento e condizionamento.
Spendere del denaro in questo campo significa "investimento", e quindi porta ad un risparmio immediato sulle nostre bollette.
Per controllare le condizioni delle costruzioni edili riguardo dispersioni di calore, fughe di aria calda costruzioni anconao fredda si può ricorrere alla termografia che applicata al settore edile è il metodo di controllo non distruttivo per eccellenza.  La possibilità di  valutare piccolissime differenze di temperatura, permette alla termografia d’identificare le cause di problemi riscontrabili solo se espressamente manifestati. L’indagine termografica, in grado di captare irregolarità termiche causate da difetti o danni localizzati, risulta incredibilmente vantaggiosa. Grazie alla rappresentazione attraverso un’immagine digitale (termogramma), la termografia consente di evitare interventi distruttivi finalizzati all’individuazione della causa di un problema. In edilizia la termografia viene utilizzata per individuare distacchi d’intonaco, difetti strutturali nascosti, zone con umidità di risalita, zone con ristagni idrici, punti d’infiltrazione d’acqua nelle strutture, zone con ponti termici rilevanti, scoprire elementi architettonici nascosti, dispersioni energetiche permettendo di valutare l’efficienza energetica della costruzione pianificando gli interventi mirati al miglioramento energetico.



La nostra Impresa Edile, con sede a Falconara Marittima, Ancona (Marche), realizza costruzioni edili e esegue ristrutturazioni in tutta la provincia di Ancona.








<<Precedente                                                 Home                                            Site-Map


costruzioni edili ancona, marche